I nostri fornitori

L’elenco – ancora incompleto – è in ordine alfabetico per nome dell’azienda.

Miele: Apicoltura Terra e Sole

Crevalcore (BO)

La mia piccola azienda, situata nella campagna crevalcorese, è nata alla fine dell’anno 2009 ma già da diversi anni facevo l’apicoltore per passione. I mieli prodotti sono: millefiori, tiglio, melata, acacia, castagno.
Il miele dei primi tre tipi è raccolto qui a Crevalcore mentre per l’acacia e il castagno porto le api sull’appennino bolognese dove sono presenti le fioriture necessarie.  La conduzione degli alveari è realizzata nel rispetto e nell’attenzione al benessere delle api che non vengono considerate solo animali da sfruttare: il miele così ottenuto è un prodotto sano e naturale. Dato che il miele è prodotto in quantità limitata ed è apprezzato per la sua qualità ho scelto di non prendere la certificazione biologica per limitare le spese . Per incentivare il riutilizzo dei vasetti per il miele, nel periodo in cui il miele viene ‘invasettato’ (estate) è possibile acquistare miele portando i propri vasetti da riempire, con uno sconto pari al costo del vasetto. Per limitare la produzione di rifiuti utilizzo per l’imballaggio dei vasi solo scatole di cartone usate. L’azienda è aperta a chiunque voglia visitarla; in estate apriamo le porte con  la ‘Festa della smielatura’, durante la quale do informazioni  sulla vita delle  api e la conduzione degli alveari, poi faccio vedere come si estrae il miele.

Riso, farina, uova: Azienda agricola Cerutti 

Burana (FE)

Costeggiata dal canale di Burana, l’azienda si immerge in un contesto paesaggistico dove zona umida e risaia si congiungono. L’azienda, che è condotta a gestione familiare, si estende su 20 ettari di terreno di cui 11 coltivati a riso. La risaia, fino al 2007, è stata coltivata col metodo della lotta integrata, dal 2008 invece si è deciso di passare al metodo biologico della risipisicoltura.
È una tecnica che consiste nella simultanea coltivazione del riso e dei pesci all’interno dello stesso ecosistema, con la conseguente eliminazione dei trattamenti chimici (in particolare erbicidi ed alghicidi). L’introduzione di specie ittiche (pesce rosso Carassius auratus), infatti, è necessaria per dominare la crescita della vegetazione infestante, inoltre con il Centro Agricoltura Ambiente di Crevalcore è partita una sperimentazione sul controllo biologico delle larve di zanzara operato dai pesci, che ha dato da subito ottimi risultati.
È in programma l’inserimento oltre al carassio anche di altre specie come la carpa, per tenere sotto controllo la presenza del gambero della Louisiana che oltre ad arrecare danni alle arginature, si nutre anche degli avannotti. Questa tecnica ha consentito fin da subito di tenere quasi completamente sotto controllo le erbe acquatiche mentre la produzione di riso è rimasta costante, anzi con un miglioramento nella resa.
Nel 2003 è stato introdotto in azienda un allevamento di galline ovaiole, non in gabbia, ma libere di uscire all’aperto a razzolare nei prati di erba medica che circondano il capannone, nel pieno rispetto del benessere animale. L’allevamento, che accoglie 9000 galline, è stato certificato biologico a partire dal luglio 2006, unico in provincia di Ferrara e uno dei pochi presenti in Emilia-Romagna. Le galline all’interno del capannone sono alimentate con mangime composto da cereali e altri vegetali da agricoltura biologica e oltre ad avere mangiatoie ed abbeveratoi completamente automatizzati, a turno e durante l’intera giornata, vanno a deporre le uova in appositi nidi situati nella zona centrale; dai nidi le uova scivolano dolcemente sul nastro trasportatore sottostante. Si raccolgono tutti i giorni oltre 8.000 uova.
Oltre a riso, uova, farina e semola di riso, da circa un anno l’azienda produce farina di grano tenero da agricoltura biologica: tipo “0”, tipo “2″ (semi-integrale) ed integrale macinate a pietra.

Vino bio: Azienda agricola “Il Folicello” 

Manzolino di Castelfranco Emilia (MO)

La nostra scelta di vita è dettata dalla voglia di riscoprire e condividere con i nostri clienti il grande valore aggiunto di una produzione vinicola biologica e di alto livello qualitativo. Quando abbiamo iniziato, il biologico era una scommessa, ciò nonostante intorno a questo abbiamo voluto costruire la nostra azienda.
Siamo Antonella e Marco, abbiamo quasi 50 anni per la maggior parte vissuti in campagna, imparando ad apprezzarne il valore e scoprendo quindi le potenzialità che offre, soprattutto in termini di qualità di vita; abbiamo due figlie, Federica e Irene, orgogliose anche loro di stare a contatto con la natura. La nostra azienda, chiamata FOLICELLO, si estende per 10 ettari a Manzolino, in provincia di Modena, in una zona pianeggiante tipica per la produzione di Lambrusco e di vini bianchi frizzanti tutti a Denominazione di Origine Controllata.
Abbiamo iniziato quasi per gioco all’inizio degli anni 80, con l’intento di produrre un sano bicchiere di vino per noi e alcuni nostri amici, oggi la nostra azienda è dotata di una nuova cantina, piccola ma efficiente, dove vinifichiamo le uve raccolte nei nostri vigneti, di un laboratorio dove produciamo marmellate e altri prodotti derivati dall’uva, tutti biologici e biodinamici, di una piccola acetaia e di una nuova sala multifunzionale disponibile per riunioni aziendali, eventi e altre attività.

Ciliegie: Azienda agricola Testoni Andrea

Castelfranco Emilia (MO)

Andrea Testoni coltiva ciliegie (3,7 ha) e pere (2 ha) con i metodi dell’agricoltura biologica dal 1998. L’attenzione del conduttore è indirizzata al consumatore, producendo cibo sano e di buona qualità organolettica. Sono 9 anni che ha intrapreso una strada che ha portato ad adottare i dettami dell’agricoltura Biodinamica.
Le ciliegie vengono fornite in imballaggi di cartone recuperabili oppure cestini di plastica a rendere. Ha collaborato con l’Università di Bologna per uno studio su un particolare antimicotico nell’agricoltura biodinamica. È fondatore di un GAS e fondatore-vicepresidente del DES Modena. È molto attento alla realtà dei GAS che conosce bene e cerca di valorizzare e promuovere, riconoscendone la ricchezza e le opportunità di crescita per i consumatori e i produttori.

Ortaggi: Azienda agrituristica “Seghizza”

San Cesario s.P. (MO)

L’Azienda Agrituristica “Seghizza” è situata su un fondo a 200 metri dalla riva destra del fiume Panaro, raggiungibile da piste ciclabili che collegano il vicino abitato di San Cesario con il fiume, l’ippovia, il “Percorso Natura” e Spilamberto. Al centro del fondo si trova una grande quercia secolare censita tra gli alberi protetti della regione Emilia Romagna; intorno i campi divisi in “fette” da vecchi alberi di ciliegio sono delimitati da siepi miste. I fabbricati di origine piuttosto antica sono individuati nelle vecchie carte topografiche con il nome Seghizza; la ristrutturazione parziale del 2005, recuperando le caratteristiche architettoniche, ha reso funzionale il vecchio fienile adibito a sala di ristorazione che è dedicata ai piatti della tradizione locale con prodotti derivati dall’agricoltura biologica in azienda.
È possibile acquistare in azienda la frutta e le verdure raccolte fresche, stagionali, buone, prodotte da agricoltura biologica per il rispetto della salute di tutti, anche dell’ambiente. I prodotti seguono le stagioni: lattughe, radicchi, cicorie, bieta e prezzemolo quasi tutto l’anno; melanzane, pomodori, peperoni e zucchine in estate; patate da agosto a dicembre; cavoli cappucci, cavolfiori, verze, broccoli, finocchi e cardi in autunno e inverno; ciliegie e amarene nel mese di giugno; prugnoli da giugno ad agosto.

Birra: Birrificio artigianale Vecchia Orsa

San Giovanni in Persiceto (BO)

Dal 2007 mani diversamente abili, sotto la guida sapiente del Mastro Birraio, danno vita al birrificio Vecchia Orsa… e lo accompagnano in un cammino di dignità, attenzione e solidarietà. La nostra struttura di Cooperativa Sociale no profit è stata scelta e ci richiama ad una attenzione particolare alla persona e al servizio. Specularmente il nostro essere Impresa Sociale ci richiede una gestione economico-finanziaria oculata ed efficiente come tutte le società serie. Nell’equilibrio di queste due anime risiede la forza e la dignità del nostro progetto.

Calze: Calzificio Zambelli Pierino

Nuvolera (BS)

La nostra piccola azienda artigianale a Nuvolera vicino a Brescia produce una vasta gamma di calze per tutta la famiglia dal 1976 e da 25 anni in fibre naturali:

  • COTONE BIOLOGICO
  • CANAPA BIOLOGICA
  • LANA NATURALE DI PECORA E ALPACA

Confortevoli e naturali le calze che produciamo sono adatte a tutti ed in particolare a persone con problemi di sensibilità ai vari trattamenti chimici, al contatto con la nostra pelle non irritano e non provocano allergie, garantiscono ai piedi una naturale traspirazione e ossigenazione.

COTONE: è una fibra fresca e resistente, proviene da coltivazioni biologiche di India e Tanzania, la cui organicità è certificata da un ente di controllo esterno svizzero secondo le direttive UE 2092/91.

Il nostro cotone gode inoltre della certificazione SA 8000 (certificazione etica) che soddisfa esigenze di giustizia e onestà nei confronti dei piccoli coltivatori e contro lo sfruttamento del lavoro minorile. Il cotone biologico usato a produrre calze naturali non ha subito sbiancamento di nessun genere e nessun processo di tintura. Il filato usato per produrre le calze tinte è portato direttamente da noi a tingere in una tintoria certificata biologica da due enti certificatori, uno italiano e l’altro internazionale.

CANAPA: è una fibra particolarmente adatta a chi ha problemi di eritemi rossori, ragadi ai piedi e sudore. Coltivata in Europa e filata in Italia.

LANA: le calze in lana sono prodotte con filati non certificati ma di sola lana di pecora o mista con quella di alpaca, non tinta, così da conservare intatte le sue difese naturali (la lanolina, che assorbe il sudore, dona benessere al piede e toglie la sensazione di bagnato). Queste fibre animali, che presentano un’ottima abilità e resistenza, provengono da piccoli allevamenti dell’America Latina e Nuova Zelanda, lavate sul posto con sola acqua e filate in un’azienda artigianale Veneta (purtroppo la lana delle pecore italiane è poco adatta ad essere filata avendo fibre troppo corte).

Pasta, farina, biscotti, conserva: Cooperativa Agricola Iris

Cremona 

L’azienda si trova a Corteregona di Calvatone (provincia di Cremona), lontana da insediamenti industriali e artigianali e da vie di traffico intenso. Produce pasta, farina, biscotti, conserve di pomodoro. Si estende per circa 40 ettari all’interno del Parco Naturale Oglio Sud al confine con l’Oasi WWF “Le Bine”, confinante con un’area di rilevanza archeologica e storica, Bedriacum, vecchio insediamento romano già citato dal poeta Virgilio, e perciò in un’area soggetta a vincoli e norme di salvaguardia che ne tutelano l’ambiente e la natura.

Commercio equo e solidale: Cooperativa Oltremare

Modena

La Cooperativa Sociale Oltremare nasce nel 1991 a Modena, con “lo scopo di perseguire l’interesse generale della Comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini, mediante l’apporto lavorativo dei soci per lo svolgimento di attività commerciali, produttive, di trasformazione e di servizi finalizzati: 

  • all’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati;
  • alla realizzazione dello sviluppo umano, sociale, culturale ed economico dei poveri del Sud del mondo ed in particolare dei contadini e degli artigiani;
  • alla rimozione degli ostacoli di ordine economico, politico e sociale che limitano di fatto lo sviluppo dei poveri del Sud del mondo;
  • alla creazione di una coscienza collettiva, sia a livello locale che internazionale che ponga lo sviluppo al servizio dell’uomo rispettando l’ambiente, utilizzando con parsimonia le risorse, limitando gli sprechi;
  • alla collaborazione tra le persone, nel rispetto delle diversità soggettive e culturali, valorizzando le competenze e le risorse individuali; al perseguimento di migliori condizioni sociali, economiche, culturali e professionali per i soci e le comunità coinvolte nell’attività di impresa.”

Agrumi, formaggi, vini, dolci, verdure, tonno: I gelsi e la talpa

Alcamo (TP)

Nel 1979, Claudio Tamagnini e la moglie Luisa, con un adolescente in affido, con una figlia neonata e un altro in arrivo, decidono di abbandonare il Nord delle fabbriche per impiantare un’azienda agricola proto-biologica e immergersi in una realtà sociale ancora più difficile e complessa: la Sicilia rurale del trapanese. Pionieri di una nuova consapevolezza ambientale, decidono di vivere, sperimentare e praticare un nuovo modello di società; vicino ad Alcamo fondano la cooperativa Talpa, che significa: Terreni, Allevamenti, Lavoro e Politica Alternativa. Scopo della cooperativa era quello di coltivare ortaggi, agrumi, uva, ulivi, prodotti da poter poi vendere al Nord davanti alle fabbriche; cercando di valorizzare e far apprezzare i prodotti tipici siciliani anche nelle terra industrializzate e inquinate del Nord Italia. Oggi fanno sentire la loro voce in Sicilia a fianco di chi si batte per la legalità, per i diritti dei lavoratori, per l’inserimento degli immigrati, delle loro mogli e dei loro figli, contro i CPT, ecc.
La nuova società agricola “I Gelsi e la Talpa” riunisce una serie di piccole aziende agricole, la maggior parte delle quali a conduzione familiare, buona parte delle quali adotta metodi di coltivazione biologica certificata, altre a cui la certificazione biologica porterebbe più spese che vantaggi, attuando una coltivazione tradizionale sempre senza uso di pesticidi e fertilizzanti chimici.
Alla produzione agricola (agrumi, ortaggi, mandorle, capperi) e di lavorati/trasformati (olio, vini, conserve sott’olio extravergine, olive, formaggi, dolci) si affianca da qualche tempo l’ospitalità di turisti “responsabili”.
Claudio e Tommaso consegnano direttamente i prodotti provenienti dalle aziende agricole a loro associati ogni quattro settimane, senza ausilio di corrieri, con un mezzo frigo attrezzato di sponda idraulica.

Frutta: La selva armonica

Vaglio di Lama Mocogno (MO)

L’azienda agricola “La selva armonica”  è a conduzione biologica certificata ICEA e fa  parte dell’associazione PRORA, attiva dal 2000, che  riunisce più di 20 aziende agricole e agrituristiche, in gran parte a conduzione biologica, dell’Appennino modenese e bolognese, sorta con l’intento di valorizzare il territorio montano con colture tipiche (frutti di bosco, fragole, castagneti, meli di varietà antiche, piante officinali), cercando di creare così una possibile alternativa  alla zootecnia.

Nasce nel 1999, realizzando un sogno che attendeva da molti anni di essere concretizzato: l’armonia con la natura e un contatto diretto con la terra ed i suoi frutti sono alla base di questo sogno e il rispetto di piante, animali e del  loro habitat  sono tra i principi fondamentali del nostro stile di vita.

Pasta, farine, cereali: La terra e il cielo

Arcevia (AN)

La cooperativa agricola biologica LA TERRA E IL CIELO nasce nel 1980 dall’iniziativa coraggiosa e pionieristica dei soci fondatori, in un periodo storico in cui impera l’agricoltura convenzionale ed il biologico rappresenta un settore di nicchia praticamente sconosciuto.

I fondatori vogliono adottare un nuovo approccio più sostenibile alla coltivazione, peraltro in una regione contadina per eccellenza come le Marche, riscoprendo allo stesso tempo un rapporto più equilibrato con la natura, l’ambiente e, in ultima analisi, se stessi. Inizialmente, anche ispirandosi a movimenti attivi in altri paesi europei, la cooperativa adotta metodi biologici ma anche biodinamici. A buon titolo, quindi, essa può essere annoverata tra le prime e più durature esperienze biologiche nel panorama italiano.

La riscoperta ed il rilancio di antiche varietà di cereali e legumi, selezionate per la qualità e non esclusivamente per la quantità, ha rappresentato e rappresenta uno dei punti cardine dell’attività della cooperativa.

Olio: Valle del Marro

Gioia Tauro (RC)

La “Valle del Marro – Libera Terra – Società cooperativa sociale” ha introdotto un rinnovato spirito di iniziativa imprenditoriale nel cuore di un territorio che, per le sue condizioni suolo-climatiche, rappresenta un fiore all’occhiello dell’agricoltura calabrese. Maestosi e secolari alberi d’olivo, rigogliose distese di ortaggi, colorite piantagioni di agrumeti: questo è il paesaggio agrario in cui l’azienda opera unendo innovativi approcci scientifici e sagge consuetudini contadine che esaltano le potenzialità delle fertili campagne della Piana. L’attività agricola si articola nella coltivazione di: ortaggi: melanzane e peperoncino piccante; agrumi: arance e clementine; olive da varietà autoctone: ottobratica, sinopolese, carolea. La cooperativa coltiva i terreni secondo i principi e le tecniche dell’agricoltura biologica, che ha un giusto equilibrio con la natura e richiede un rapporto più intimo e un contatto più responsabile con la terra, accentuando il coinvolgimento emotivo dell’uomo nel lavoro agricolo. Per la cooperativa la scelta del bio è una vera e propria filosofia di vita, sostenuta dalla convinzione che il metodo biologico non sia un ritorno al passato, ma un percorso fatto di ricerca, innovazione, impiego delle migliori conoscenze e tecnologie che conservino la fertilità della terra e garantiscano la salubrità dei suoi prodotti.

I prodotti della “Valle del Marro – Libera Terra – Società cooperativa sociale” hanno un valore aggiunto, in quanto portatori, oltre che di caratteristiche qualitative, anche di un particolare messaggio sociale. I prodotti sono contraddistinti da alcune specifiche caratteristiche:

  • sono biologici: le coltivazioni sono gestite in regime di agricoltura biologica (sviluppo sostenibile del territorio);
  • sono tipici: le coltivazioni sono state scelte nel rispetto della tradizione locale contadina (promozione delle tipicità locali);
  • sono etici: i prodotti vengono commercializzati con il marchio Libera-Terra, sinonimo di qualità nella legalità e nella solidarietà. Il marchio è stato ideato da Libera con il duplice scopo di aiutare la commercializzazione e rappresentare al cittadino/consumatore il successo dell’azione antimafia dato dal riutilizzo dei beni confiscati nell’ottica di un consumo critico e responsabile, espressione di cittadinanza attiva.
Annunci

Gruppo d'Acquisto Solidale Castelfranco Emilia (MO)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: